Museo Preistorico di Halle

È un lavoro che abbiamo realizzato nel 2017 e rappresenta uno dei primi esempi di trasferimento di un reperto mediato da scansione e stampa 3D.
I fossili originali di oreopithecus bambolii conservati nel Museo di Storia Naturale di Firenze erano troppo fragili per poter essere inviati al Museo Preistorico di Halle in Germania. Abbiamo, quindi, realizzato la scansione 3D dei reperti con scanner a luce strutturata e successivamente la stampa 3D dei file con due differenti tecnologie: DLP (Digital Light Processing, processo di polimerizzazione di una resina grazie alla luce di un proiettore) per i particolari più piccoli (come ad esempio la mano e alcune vertebre) e SLA (StereoLithography Apparatus, processo di polimerizzazione di una resina grazie alla luce di un laser) per le parti più grandi (cranio e ossa lunghe).
Le stampe sono state rifinite superficialmente in colori reali.
Il Museo Preistorico di Halle appartiene al circuito della conservazione dei beni archeologici della Sassonia-Anhalt ed ospita una delle collezioni archeologiche più antiche della Germania, esposte in ordine cronologico, dall’Età della Pietra all’Età del Ferro.

2018-12-06T11:48:26+00:0010 Luglio 2018|musei|

Scrivi un commento