top of page

WeTambara: la rivoluzione nell'insegnamento dell'informatica raccontata dal suo fondatore Diego Benna

Come rendere l'insegnamento dell'informatica più coinvolgente e accessibile, avvicinando così più studenti al mondo della programmazione?


Lo abbiamo chiesto a Diego Benna, docente di Informatica presso il Liceo Scientifico G.B. Quadri di Vicenza, che, in collaborazione con il suo ex studente Nicola Lovo e l’amico universitario ed esperto di sicurezza informatica Lino Buono, ha creato WeTambara, una piattaforma che sta rivoluzionando il modo in cui studenti e insegnanti interagiscono con il codice.



L'origine di WeTambara: un'idea di innovazione


«L’idea di WeTambara è nata dalla necessità di cambiare l'approccio all'insegnamento dell'informatica. Mi sono reso conto che c'era bisogno di un metodo più interattivo e coinvolgente per far avvicinare gli studenti alla programmazione. Inoltre, ho visto l'opportunità di creare uno strumento che potesse aiutare i docenti a risparmiare tempo nella gestione e nella correzione delle verifiche, permettendo loro di concentrare maggiormente le energie sulla didattica e sull'interazione con gli studenti.


Così è nata WeTambara, una piattaforma che non solo facilita l'apprendimento del coding, ma supporta anche i docenti nel migliorare la qualità dell'insegnamento».



Il significato del nome: un invito all’approccio ludico e pratico


«WeTambara deriva dalla parola veneta "tambarare", che significa armeggiare o cimentarsi in un'attività di cui chi osserva ignora l'arte, spesso con un approccio esplorativo e sperimentale. Questo termine incarna perfettamente lo spirito di curiosità e scoperta che il team vuole infondere negli studenti durante l'apprendimento della programmazione.


Abbiamo scelto questo nome perché vogliamo che gli studenti si avvicinino al coding con lo stesso spirito di esplorazione e curiosità. L'idea di avere test case e AI che permettono di controllare se l'esercizio è giusto o meno, consente agli utenti di modificare il codice con infiniti tentativi, proprio come farebbe qualcuno che "tambara." Questo processo, supportato da feedback immediati, permette agli studenti di imparare in modo dinamico e interattivo, rendendo l'esperienza di apprendimento più coinvolgente e gratificante».


Tecnologie all'avanguardia e i punti di forza di WeTambara


«Le tecnologie principali utilizzate nella piattaforma WeTambara includono un editor di sviluppo che supporta i linguaggi di programmazione più utilizzati, l'AI generativa per l'automazione della correzione degli esercizi e la fornitura di feedback in tempo reale, e un sistema di test case per la valutazione automatica.


Uno dei maggiori punti di forza di WeTambara è il suo ambiente cloud, che garantisce che il servizio sia sempre attivo ed efficiente. Grazie a questa architettura, gli utenti possono accedere alla piattaforma ovunque si trovino, senza preoccuparsi di installazioni o aggiornamenti locali. 


Inoltre, la valutazione automatizzata e il miglioramento della qualità del feedback sono elementi chiave che distinguono WeTambara. Gli studenti ricevono riscontri immediati e continui sui loro esercizi, grazie all'AI e ai test case integrati, che permettono loro di modificare il codice con infiniti tentativi».





Collaborazioni di successo: crescere insieme


«Le collaborazioni con circa 60 scuole in Italia sono state fondamentali per lo sviluppo di WeTambara, permettendo al team di testare e migliorare la piattaforma in ambienti educativi reali e raccogliendo feedback preziosi da insegnanti e studenti. Inoltre, il coinvolgimento di esperti come Lino Buono ha apportato competenze cruciali nel campo della sicurezza informatica.


WeTambara ha coinvolto attivamente la comunità di insegnanti e studenti nel miglioramento continuo della piattaforma. Il team raccoglie feedback costante dagli utenti attraverso storie e questionari su Instagram. Inoltre, collaboriamo direttamente con i docenti per comprendere meglio le loro esigenze e integrare funzionalità che migliorano l'esperienza didattica. Questo approccio collaborativo assicura che la piattaforma evolva costantemente in linea con le esigenze degli utenti».


Verso il futuro: espansione e innovazione


«Attualmente, non abbiamo ancora partnership ufficiali, ma stiamo valutando diverse proposte interessanti da parte di case editrici di libri di informatica. Siamo online da poco tempo e stiamo cercando di farci conoscere principalmente attraverso il passaparola.


Abbiamo notato che quando un docente scopre WeTambara, il successo è clamoroso: in poco tempo, tutti gli studenti della scuola si iscrivono e utilizzano quotidianamente la piattaforma. Questo entusiasmo ci incoraggia a continuare a migliorare e a espandere la nostra presenza nel mondo dell'educazione informatica».


Piani futuri per lo sviluppo di WeTambara


«In futuro, WeTambara mira a diventare una piattaforma per tutte le materie scolastiche, non solo per l’Informatica. L'intelligenza artificiale è uno strumento straordinario, il cuore di WeTambara, e ha il potenziale di rivoluzionare il mondo dell'educazione. Pur riconoscendo che l'AI può essere uno strumento pericoloso, ci impegniamo a utilizzarla nel modo più sano e positivo per migliorare il sistema educativo.


Abbiamo in programma di aggiungere funzionalità per la programmazione con diagrammi di flusso, rendendo il processo di apprendimento ancora più intuitivo e visivo. Un altro importante obiettivo è quello di incorporare elementi di gaming nell'insegnamento della programmazione. 

Continueremo a lavorare per migliorare e ampliare le nostre offerte, sfruttando l'AI per fornire un supporto didattico sempre più personalizzato e interattivo. Siamo convinti che WeTambara possa diventare un punto di riferimento nell'educazione, non solo in Italia ma ma anche a livello internazionale».

Comments


bottom of page